fbpx

Il lavoro dell’ufficio stampa: come costruire un comunicato stampa che funzioni

Il lavoro dell’ufficio stampa: come costruire un comunicato che funzioni

Il lavoro dell’ufficio stampa consiste principalmente nella costruzione di un comunicato stampa che funzioni.

Un comunicato stampa che funzioni ha l’obiettivo principale di dare visibilità a una notizia sui media. Ma perché questo accada è necessario ci sia la combinazione di  3 fattori:

  1. Il pubblico interesse della comunicazione
  2. La scelta del momento giusto per la diffusione della comunicazione
  3. La curiosità dei giornalisti

Questi tre fattori devono essere uno legato all’altro. Molto spesso infatti, una notizia curiosa, originale e che genera interesse, non sempre ha le carte in regola per trovare spazio sui giornali.

Pensiamo, ad esempio, alla comunicazione di una trimestrale di bilancio di un società medio-piccola: è sicuramente una notizia di interesse, ma se viene diffusa nel giorno in cui altri grandi gruppi comunicano gli stessi dati, le possibilità di essere ripresa dai media finanziari si riducono notevolmente.

Non solo, la scrittura del comunicato che racconta la notizia è altrettanto fondamentale: vediamo perché.

Titolo e sommario del comunicato devono “agganciare” i giornalisti che li leggono, invogliarli a leggere il comunicato e valutarne la pubblicazione. Per questo, una nota stampa in grado di dare la giusta enfasi alla comunicazione verrà premiata.

Restando all’esempio citato, se immaginiamo eos comunica come la società che comunica la propria semestrale, il titolo eos comunica: il fatturato cresce a doppia cifra, +10% a/a avrà sicuramente la meglio rispetto a un più generico eos comunica: cresce notevolmente il fatturato.

Questo mese la comunicazione di un nostro cliente per il quale curiamo, appunto, l’ufficio stampa, ha avuto mola visibilità sui media.

IL CASO MAIORA SOLUTIONS SULLA STAMPA

Il cliente in questione è  Maiora Solutions, start up specializzata in data intelligence per il settore, tra gli altri, del food. La notizia che abbiamo diffuso alla stampa riguardava l’aumento del prezzo di vendita dei panettoni a Milano, con un confronto tra quelli di pasticceria e quelli della grande distribuzione. La notizia è stata ripresa in modo trasversale sia sulla stampa nazionale generalista che quella finanziaria, dai magazine femminili ai siti web specializzati nel food e persino in TV.

Di certo, l’indagine di Maiora Solutions è sicuramente interessante da leggere: la start up, attraverso il proprio strumento di intelligenza artificiale, ha analizzato i prezzi medi al chilo dei panettoni classici di pasticceria e quelli industriali, mettendo a confronto 20 brand molto noti. E i risultati sono altrettanto gustosi.

La notizia è stata comunicata alla fine di novembre, il momento in cui inizia la vera e propria corsa verso il Natale, tanto che le pubblicazioni non si sono esaurite e sono seguite anche nelle settimane successive alla diffusione del comunicato.

Infine, abbiamo scritto un comunicato che stimolasse il più possibile la curiosità dei giornalisti:

PANETTONE QUANTO MI COSTI! PREZZI IN NETTO AUMENTO A MILANO RISPETTO ALLO SCORSO ANNO.  L’ANALISI DI MAIORA SOLUTIONS

 La startup milanese Maiora Solutions ha evidenziato un notevole aumento del prezzo medio al chilo dei panettoni: +38% per i panettoni industriali, + 7% per quelli più celebri di pasticceria

Insomma, se il successo dell’ufficio stampa è quello di costruire un comunicato che funzioni, possiamo dire, in questo caso di esserci riusciti alla grande!

Appuntamento al prossimo anno, speriamo però, senza altri aumenti! 

Read More

Torna a Milano BookCity, la festa del libro e della lettura 

Torna a Milano BookCity, la festa del libro e della lettura

Torna a Milano Book City, la festa del libro e della lettura. Il tema di questa undicesima edizione, in programma dal 16 al 20 novembre, è ‘La vita ibrida‘, un tema che racconta la complessità del nostro tempo.

Ibrido è il lavoro, la vita, divisa tra online e offline, la comunicazione, l’identità e i generi, l’esperienza delle nuove generazioni e, dall’alba dei tempi, ibride sono le culture.

Ma vediamo più nel dettaglio filiera, numeri, iniziative speciali di BookCity. Con una bonus track: la nostra personale selezione di eventi.

BOOKCITY: COINVOLTA TUTTA LA FILIERA, LETTORI INCLUSI 

BookCity è promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, dall’Associazione BOOKCITY MILANO, e da AIE, l’Associazione Italiana Editori. Scrittori, fumettisti, editori, blogger, librai, influencer, traduttori, bibliotecari, studenti, insegnanti e la platea, eterogenea, dei lettori: la manifestazione coinvolge e rende protagonista l’intera filiera del libro per una 5 giorni che animerà l’intera città di Milano.

BOOKCITY: I NUMERI 

Fino al 20 novembre il palinsesto è fittissimo con più di 3000 autori e autrici, 1350 eventi, 193 editori e 860 classi scolastiche, distribuiti su tutto il territorio cittadino: 290 luoghi i luoghi coinvolti, tra cui 47 librerie e 34 biblioteche.

BOOKCITY MILANO PAPERS 2022

Il tema di quest’anno si estende anche al progetto BookCity Milano Papers 2022, nato durante il lockdown del 2020 per coinvolgere autrici e autori internazionali che non potevano raggiungere Milano. Il format, digitale e internazionale, è divenuto parte integrante della manifestazione . Il ciclo di interviste di questa edizione vede protagonisti, tra gli altri, il premio Pulitzer 2022 per la letteratura Joshua Cohen, il National Book Award 2021 Jason Mott, il premio Strega Europeo 2021 Georgi Gospodinov e Jeremy Rifkin, protagonista di una lectio sull’economia della resilienza.

BOOKCITY: 4 APPUNTAMENTI SCELTI DA NOI

Il calendario, dicevamo, è ricco e davvero eterogeneo. Ecco 4 eventi che vi consigliamo noi di eos comunica.

Vita quotidiana di un italiano a Mosca : dai Monti Altai alla Kamčatka, da Murmansk al Daghestan, da San Pietroburgo a Mosca fino alle tende dei nomadi Nenet, Stefano Tiozzo, fotografo professionista, documentarista e storyteller che da anni vive in Russia, invita a prestare ascolto alla polifonica voce di un Paese dall’innegabile fascino e dalle molteplici antinomie. Ad accompagnarlo in questo racconto Nicolai Lilin.

Quando: 17 novembre – Dove: Centro Pime

‘Leggere non serve a niente’: ci hanno sempre detto che leggere aiuta a sviluppare le abilità del linguaggio e ad ampliare il proprio vocabolario, permette di acquisire nuove conoscenze e competenze, è un modo per conoscere il mondo e gli altri, ma anche per viaggiare con la fantasia e trovare noi stessi. Sarà davvero così? Lo scrittore Jonathan Bazzi proverà a rispondere a questa e altre domande.

Quando: 18 novembre – Dove: Biblioteca Chiesa Rossa

Servillo legge Marcovaldo : nel 2023 ricorre l’anniversario dei 100 anni dalla nascita di Italo Calvino. BookCity ne anticipa le celebrazioni con un progetto speciale: la lettura integrale di ‘Marcovaldo’. A dare voce alla penna di uno dei più importanti autori italiani di tutti i tempi il cantante e attore Peppe Servillo.

Quando: 18-19-20 novembre Dove: Teatro Gerolamo 

A BOOKCITY ANCHE WE WORLD: FOCUS SU STEREOTIPI DI GENERE E VIOLENZA 

Donne: quando il pregiudizio è più importante del giudizio : anche nelle aule di tribunale regnano gli stereotipi di genere e difendersi è ancora difficile. Anticipando la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre, l’evento sarà l’occasione per presentare il vademecum di WeWorld su come difendersi in un tribunale se si è vittima di violenza.

All’incontro partecipano Paola Di Nicola Travaglini (Giudice, consigliera della Corte di Cassazione, e autrice di “La mia parola contro la sua”, HarperCollins editore), l’avvocata Nicoletta Parvis e Marco Chiesara (Presidente di WeWorld).

Quando: 18 novembre – Dove: Milano Luiss Hub for makers and students

 

Read More

Green claims o greenwashing? Da Quantis 5 regole d‘oro

Green claims o greenwashing? Da Quantis 5 regole d‘oro

 

Conoscete la differenza tra le parole green claims e green washing?

I “green claims”  sono le dichiarazioni di prodotti e servizi “virtuosi” in ottica di sostenibilità, il greenwashing è quello che, invece, viene considerato l’ecologismo di facciata di aziende o istituzioni  per costruire un’immagine di sé ingannevolmente positiva sotto il profilo dell’impatto ambientale.

Eco-friendly, sostenibili, green: quante volte leggiamo o ascoltiamo queste parole nella nostra quotidianità?  Il loro utilizzo è esponenzialmente aumentato, soprattutto nelle pubblicità e il tema è più che mai attuale sia per le aziende che per i consumatori .

Le prime devono sviluppare green claims efficaci, che rispecchino la reale sostenibilità dei prodotti. I secondi devono poter e saper distinguere messaggi virtuosi da pratiche di greenwashing.

GREEN CLAIMS: DA QUANTIS 5 REGOLE D’ORO

Quantis, società leader per la consulenza ambientale, che seguiamo nelle attività di ufficio stampa,  ha sviluppato cinque “regole d’oro” fortemente ancorate al principio della quantificazione.

Un buon green claim deve essere specifico; misurabile; pertinente; comprensibile; accessibile.

Ma vediamo queste 5 regole più nel dettaglio:

  • SPECIFICITA

Chiarezza, veridicità, completezza sono elementi chiave per aiutare i consumatori a compiere scelte informate. Parole vaghe come “green”, “sostenibile” o “eco-friendly”, dovrebbero essere evitate, perché imprecise, difficile da dimostrare e, nella peggiore delle ipotesi,  non vere. Cosa fare dunque? Prima di tutto, indicare l’ambito dello studio e il prodotto valutato, così come i mercati e l’indicatore usato. Comunicare l’impatto delle attività su aspetti ambientali specifici, come consumo di acqua o di suolo, ecosistemi, biodiversità, è una strategia migliore rispetto all’uso di termini generici.

  • MISURABILITA

Le dichiarazioni sull’impatto ambientale del prodotto devono essere misurabili, basate su uno studio di valutazione del ciclo di vita del prodotto (LCA), completato in conformità con metodologie riconosciute e standard internazionali come PEF e ISO. Importante è anche comunicare i parametri e gli indicatori degli studi realizzati, e gli specifici prodotti valutati.

  • PERTINENZA

I buoni green claim devono evitare informazioni fuorvianti, come evidenziare l’assenza di un ingrediente che non è mai stato presente, una caratteristica che un prodotto ha sempre avuto, o un vantaggio ambientale richiesto dalla legge. Le affermazioni non devono esaltare un aspetto in cui il prodotto sta funzionando bene (o è migliorato) al contempo nascondendo altri aspetti in cui il prodotto sta performando male dal punto di vista ambientale.

  • COMPRENSIBILITA’

Il linguaggio utilizzato dovrebbe essere di facile comprensione per i consumatori: alt, quindi, a un gergo tecnico e complicato. I claim devono usare termini oggettivi e neutri, evitando immagini o colori ingannevoli o fuorvianti.

  • ACCESSIBILITA’

Le informazioni sull’impatto ambientale dei prodotti devono essere facilmente accessibili, chiare e affidabili, per consentire ai consumatori di prendere decisioni informate. Le prove a sostegno delle affermazioni dovrebbero essere pubblicamente disponibili, accessibili e gratuite.

 

 

IL COMMENTO DELL’ESPERTO

“I green claim dovrebbero garantire la protezione dei consumatori da informazioni ingannevoli, greenwashing e concorrenza sleale e aiutarli a compiere scelte favorevoli per l’ambiente” commenta Simone Pedrazzini, Direttore Italia di Quantis. “Per i marchi affermazioni fuorvianti o errate possono avere gravi conseguenze, offuscarne la reputazione, implicare azioni legali, portare a perdere la fiducia dei consumatori e mettere a rischio le relazioni con gli investitori. Solo con informazioni corrette le aziende possono supportare i consumatori nelle loro scelte di acquisto e indirizzare un cambiamento virtuoso nelle abitudini di consumo”.

Maggiori dettagli e approfondimenti sui “cinque principi” di Quantis a questo link.

 

 

Read More

ECOVERSO R-ACE: vince chi consuma meno.

Ecoverso R-ACE: la gara dove vince chi consuma meno.

Si disputerà domenica 2 ottobre ad Ancona l’Ecoverso R-Ace la corsa sostenibile per veicoli ibridi ed elettrici, la cui comunicazione alla stampa è stata affidata a noi di eos comunica.  (Repubblica Motori ne parla così).

Giunta alla sua 15.ma edizione l’Ecoverso R-Ace è promossa da Ecoverso, associazione culturale che promuove una mobilità più sostenibile attraverso gruppi d’acquisto per auto green. Ma vediamo nel dettaglio come funziona la gara.

COME FUNZIONA L’ECOVERSO R-ACE? 

Una sola condizione per partecipare, sia in scuderia che singolarmente: guidare un veicolo ibrido o elettrico. Tre le categorie in gara: Hybrid, Hybrid Team, Electric ed Electric Team. L’edizione di quest’anno ha raggiunto il record delle 35 auto in competizione, tra cui, per la prima volta, anche un’auto elettrica della Polizia Locale del Comune di Ancona.

auto elettrica

IL PERCORSO

Si tratta di un circuito lungo 55 km attraverso le splendide strade panoramiche delle Marche, costeggiando la scogliera del Conero, per poi di risalire verso nord lungo strade interne a scorrimento più veloce. Punto di partenza e arrivo, il MasMo Park, il parcheggio tecnologico a due minuti a piedi dalla stazione di Ancona.

CHI VINCE? 

Non vincono i piloti che completeranno il percorso con il miglior tempo, ma chi avrà il consumo finale in ml o Wh più basso: la Ecoverso R-Ace è quindi una gara, all’insegna della sostenibilità, della diminuzione dei consumi e di un nuovo modo di viaggiare, in armonia con l’ambiente e con il territorio. A conclusione della gara, attraverso i kit gara Hybrid Assistant e Power Cruise Control installati sulle automobili alla partenza, lo staff di Ecoverso controllerà i parametri relativi al consumo assoluto (ml o Wh) e al tracciato del percorso svolto e stabilirà i vincitori.

Ecoverso R-Ace è organizzata con il supporto di MaSMo – Marche Smart Mobility, start up innovativa che promuove la mobilità sostenibile ad Ancona.

 

 

 

Read More

Photomath: in Italia la versione Premium dell’app che aiuta a capire la matematica.

Photomath: arriva in Italia la versione premium dell’app che aiuta a capire la matematica.

La versione Premium dell’app Photomath arriva in Italia e a comunicarla ai media siamo noi di eos comunica.

L’IDENTIKIT DI PHOTOMATH

Cos’é: è l’app per l’apprendimento della matematica più utilizzata al mondo, un supporto digitale per la comprensione dei passaggi che portano alla risoluzione dei problemi di algebra, aritmetica e geometria.

A chi si rivolge: studenti, genitori e insegnanti per aiutarli nell’apprendimento e nel miglioramento dello studio della matematica.

I numeri: sono 300 milioni i download dell’app nel mondo, di cui 7,45 milioni in Italia della versione free. E’ utilizzato in 195 paesi ed è disponibile in oltre 30 lingue.

LE FUNZIONALITA’ DELLA VERSIONE PREMIUM

Le funzionalità della versione Premium permettono un aiuto ulteriore nelle fasi di risoluzione del problema matematico. Si va dai tutorial per aiutare a visualizzare, capire e memorizzare il processo risolutivo, ad approfondimenti e consigli per massimizzare la comprensione, fino a un dizionario matematico per imparare la terminologia appropriata (e il suo significato).

‘CHIUNQUE PUÒ ESSERE BRAVO IN MATEMATICA’ 

“Storicamente, essere ‘bravi in matematica’ è stato associato a ‘essere intelligenti’. Vogliamo cambiare questo stigma motivando e incoraggiando i ragazzi ad acquisire più sicurezza, aiutandoli a migliorare nelle proprie competenze”, ha dichiarato Damir Sabol, CEO e fondatore nel 2014 di Photomath.

NON SOLO PER STUDENTI

Photomath è uno strumento innovativo anche per gli insegnanti, poiché fornisce loro una mappatura precisa e aggiornata degli apprendimenti della classe e li aiuta a tenere sotto controllo l’attività degli studenti, aiutandoli nell’aggiornamento continuo di programmi e metodologie.

Read More

Venezia79: la visione sostenibile di Repower

Venezia79: la visione sostenibile di Repower

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si è chiusa sabato 10 settembre la 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con la consacrazione di Laura Poitras per il miglior film a ‘All the Beauty and the bloodhed’ , di Luca Guadagnino per la miglior regia con ‘Bones and all’ e di Cate Blanchett, migliore attrice con ‘Tar’ .

Anche quest’anno Repower ha sostenuto la Biennale Cinema e noi di eos comunica abbiamo coperto la manifestazione: per la parte dell’ufficio stampa e per il racconto sul blog e sui social di Homo Mobilis by Repower, dedicato alle soluzioni di mobilità elettrica. 

Con una grafica realizzata per la Biennale Cinema, liberamente ispirata al lavoro innovativo di Fortunato Depero, Repower ha portato al lido il suo ecosistema di mobilità sostenibile.

Dai cargobike LAMBROgino ad E-LOUNGE, le panchine intelligenti per la ricarica di e-bike e dispositivi elettronici installate di fronte al Palazzo del Cinema e nei pressi dell’iconico Hotel Excelsior, passando per DINA, la nuova rastrelliera di design che consente di ricaricare fino a 4 e-bike fino a Repowerᵉ, la barca 100% full electric che durante la kermesse ha accompagnato la madrina Rocio Morales , la giuria capitanata da Julienne Moore e ospiti, vip, e attori protagonisti, anche, dei party esclusivi di Vanity Fair.

Ragionare di mobilità e nautica sostenibile in una città così fragile come Venezia rappresenta una vera sfida per il futuro: una riflessione che Repower ha fatto sua non solo con la sua presenza alla Biennale ma anche attraverso il podcast ‘Rumors d’ambiente’ che proprio alle città del futuro dedica un focus specifico che ha incluso proprio la testimonianza di Roberto Ciccutto, presidente di Biennale, su come sta cambiando Venezia, su i temi della sostenibilità. Curiosi? Ascoltatela qui.

Read More

eos comunica l’agenzia che conta!

eos comunica l’agenzia che conta!

Con l’avvicinarsi delle meritate vacanze è tempo di bilanci, almeno di medio termine.

Come sono andati i primi sei mesi in eos comunica?

Se la voglia di ricaricarsi e riprendere nuove energie è proporzionale alle attività che ci hanno visti coinvolti, possiamo senza dubbio rispondere: molto bene!

I risultati li conoscono bene i nostri clienti, noi abbiamo pensato qui, di far parlare i numeri. Perché eos oltre a comunicare… sa anche contare 😉

Le attività di ufficio stampa e content management ci hanno dato molto da fare come testimonia la mole importante di comunicati stampa prodotti e articoli usciti su tutta la stampa italiana: nazionale, locale, specializzata, radio e tv. In eos comunica abbiamo deciso sin dall’inizio, di non focalizzarci su un unico settore: un approccio molto eterogeneo e, a nostro avviso vincente, che ci ha permesso negli anni di costruirci un network importante sui media italiani: dalla finanza all’energia, dal real estate all’hospitality, dalla consulenza all’intelligenza artificiale, passando per il food, il fashion e la cooperazione internazionale.

I giornalisti in organico nel nostro team non sono stati mai fermi: dagli articoli per i blog aziendali alle newsletter, da publiredazionali a speech e interventi per i nostri clienti, abbiamo prodotto una media di 18 articoli al mese.

Festival, conferenze, fiere, tavole rotonde, incontri one to one con giornalisti: gli eventi dei nostri clienti , che ci hanno visti coinvolti nell’organizzazione, la strategia e la gestione, sono ripresi principalmente dal vivo, ma la commistione con digitale, in molti casi, ci ha permesso di ottimizzare tempi e risorse.

Dalla produzione di piani editoriali mirati su specifiche progetti, all’ideazione e realizzazione di attività creative o compagne pubblicitarie ad hoc, le attività sui social network che curiamo per i nostri clienti non si sono mai fermate così come quelle relative ai podcast, attività che presidiamo ormai da anni in tutte le sue fasi e che ci ha permesso di allargare lo sguardo e mantenere le antenne della nostra curiosità ben sintonizzate sul mondo che ci circonda e su quello che verrà.

Ma eos comunica è anche chiacchiere, confronto, condivisione, racconti, battute, momenti di vita vissuta insieme: il nostro è un team unito più che mai che macina tanti (troppi!) caffè, pause pranzo e molti km principalmente in bici da e per l’ufficio.

Ora è tempo anche per noi di ricaricare mente e corpo!

In giro per il mondo, o in Italia, al caldo o al freddo, in solitaria, in compagnia o in famiglia.

eos comunica va in ferie e chiude dall’8 al 21 agosto. Ci rivediamo a settembre!

Read More

IPO: l’andamento nel 2022 e le aziende da tenere d’occhio.

IPO: l’andamento nel 2022 e le aziende da tenere d’occhio.

I PRIMI 6 MESI DELL’ANNO

Secondo i dati dell’EY Global IPO Trends Q2 2022, le attività di IPO nel mondo hanno visto un rallentamento nei primi 6 mesi del 2022, registrando un calo considerevole sia del numero di operazioni che dei proventi. I motivi? L’accresciuta volatilità del mercato, l’incertezza dovuta alle tensioni geopolitiche e dei fattori macroeconomici oltre al calo delle valutazioni e la scarsa performance dei prezzi delle azioni.

I NUMERI

630 è il totale delle IPO nel 2022 a livello globale che hanno fatto registrare 95,4 mld di $ di raccolta (con un calo rispettivamente del 46% e del 58% rispetto al 2021). La tendenza al rallentamento è dimostrata anche dai numeri del II trimestre dell’anno, dove il mercato globale delle IPO ha visto 305 operazioni che hanno raccolto 40,6 miliardi di dollari, con un calo rispettivamente del 54% e del 65% rispetto all’anno precedente.

E IN ITALIA?

In totale nel primo semestre dell’anno le IPO in Borsa Italiana sono state 13, mentre nei primi sei mesi del 2021 erano state 18 (compresi due passaggi da EGM al mercato principale).

Nel II trimestre 2022 si è registrato un numero di IPO in calo del 30%, con 7 operazioni concluse ma con proventi superiori di circa il 60% rispetto al II trimestre 2021.

COSA SI PREVEDE PER LA SECONDA PARTE DELL’ANNO?

Sempre secondo lo Studio, il grande numero e il valore delle IPO che sono state rinviate in questa prima metà dell’anno in corso rappresentano un importante bacino di operazioni che probabilmente arriveranno sul mercato quando le attuali incertezze e volatilità si attenueranno. Tuttavia, è probabile che persistano forti turbolenze derivanti dalle attuali incertezze e dalla volatilità del mercato.

LE POTENZIALI IPO DA TENERE D’OCCHIO

Ma quali sono i nomi che circolano in merito a un possibile sbarco in borsa nei prossimi mesi? Alcune erano previste già in questa prima parte dell’anno ma sono slittate per condizioni avverse dei mercati finanziari.

  • Fedrigoni, il gruppo cartario che già nel 2014 aveva tentato la quotazione non ha abbandonato i piani di sviluppo e la borsa rimane un’alternativa.
  • Cantiere del Pardo, uno dei leader italiani nel settore della nautica con sede a Forlì: secondo indiscrezioni, lo storico marchio, controllato da un fondo di private equity avrebbe infatti conferito mandato per lo sbarco a Piazza Affari.
  • Thun, la società nota per gli angioletti di ceramica, forte di un piano quadriennale che dovrebbe più che raddoppiare il fatturato è un altro candidato alla quotazione.
  • Da tempo si parla della Otb di Renzo Rosso, che avrebbe però lanciato la palla più in avanti al 2024.
  • Facile.it, gruppo digitale leader nella comparazione di assicurazioni, prodotti di finanziamento e tariffe energetiche, starebbe valutando la strada più idonea a valorizzare il gruppo nel corso del 2022. La via prescelta dovrebbe essere quella del «dual track», un doppio binario all’interno del quale verrà scelto se cedere l’azienda oppure se quotarla
  • Chiorino, biellese, tra i primi operatori al mondo nella produzione e commercializzazione di nastri di trasporto e cinghie di trasmissione per diversi settori di applicazione, si starebbe preparando a sbarcare sulla borsa di Milano.
  • Una potenziale Ipo arriva infine da Cremona dove l’azienda Mulan Group ha comunicato l’ingresso di nuovi soci nel gruppo di famiglia per sviluppare la crescita in Europa. La società – che produce e distribuisce piatti di cucina pronti freschi e surgelati da tutta l’Asia ma Made in Italy – è nata come classico ristorante cinese ma nel corso di pochi anni si è trasformato in un gruppo industriale con più di 50 dipendenti e uno stabilimento produttivo a Cremona di più di 5 mila mq. L’obiettivo di medio termine condiviso con gli investitori è la quotazione in Borsa della società.  Qui per Ig metterei, Mulan Group, società che produce e distribuisce piatti di cucina pronti freschi e surgelati da tutta l’Asia ma Made in Italy con l’ingresso di nuovi soci nel gruppo potrebbe mirare a una potenziale quotazione

Il processo che porta alla quotazione è una fase molto delicata,  ne avevamo parlato in questo articolo, raccontando l’importanza proprio delle attività di comunicazione in questa fase molto delicata, dove le aziende hanno l’esigenza di trasmettere il proprio valore al mercato e agli investitori. E’ un servizio che noi di eos comunica abbiamo implementato grazie all’ingresso in agenzia di professionisti con ventennale esperienza nel settore. Tutte le informazioni sui nostri servizi di comunicazione finanziaria li trovate a questo link.

Read More

Quando l’informazione (vera) arriva per mail

Quando l’informazione (vera) arriva anche per mail

Sono uno strumento che si ama e si odia: parliamo di newsletter. Alzi la mano chi non ne ha la mail intasata. Di molte, spesso, non ricordiamo il quando e il perché ci siamo iscritti.

In questo mare magnum di contenuti, immagini, gif, link esterni, c’è un’isola felice ed è quella rappresentata dalle newsletter che scegliamo, consapevolmente, di seguire. Cosa ci muove in questo caso? Prima di tutto un interesse specifico per un argomento ma, soprattutto, la fiducia che riponiamo nel chi la scrive.

L’INFORMAZIONE ARRIVA VIA MAIL

Escluse  le newsletter più ‘commerciali’ di brand e piattaforme legate principalmente ad esperienze di acquisto, le newsletter di contenuto hanno principalmente finalità di informazione. Oltre a quelle dei gruppi editoriali e/o testate sono aumentate progressivamente quelle di singoli giornalisti o content creator, che molto spesso approfondiscono temi specifici con una profondità a volte impensabile negli spazi dei media tradizionali.

 UN NUOVO MODELLO: DI NICCHIA E A PAGAMENTO 

Il desiderio di leggere contenuti più curati, precisi e accurati su un tema specifico, unitamente all’ennesimo colpo inferto al mondo dell’editoria dal covid, ha visto proliferare newsletter (o parti di newsletter) fruibili solo a pagamento alle quali le nicchie cui sono dedicate hanno reagito con inatteso entusiasmo. Avete presente il boom di Substack? Se la risposta è no, vi rimandiamo a questo interessante articolo del Post, che lo riassume perfettamente.

In eos comunica siamo grandi fan del prodotto newsletter, soprattutto di quelle di approfondimento e attualità. Ecco la nostra top ten. Alcune di queste prevedono dei contenuti extra a pagamento, o chiedono dei finanziamenti spontanei da parte dei lettori.

Piccolo disclaimer: non sono in ordine di preferenza.  Buona lettura!

  1. CHARLIE: quali sono le tendenze, le cattive abitudini o gli esempi virtuosi del giornalismo, italiano o internazionale? È a cura della redazione del Post che ne produce tante altre, tutte interessanti. Le trovate qui.
  2. ROBA DA FEMMINE : questa newsletter affronta il tema della diversità di genere in modo non convenzionale, raccontando la quotidianità di una donna per parlare di tutte le donne. E’ a cura della giornalista Maria Cafagna.
  3. IL COLORE VERDE: Dedicata a temi come cambiamento climatico, ambientalismo, biodiversità e sostenibilità a cura del giornalista della Stampa Nicolas Lozito.
  4. MARKET REPORT: una delle newsletter di Milano Finanza per gli appassionati dei mercati finanziari: da come hanno chiuso le borse di tutto il mondo e cosa aspettarsi dalle prossime sedute, tutto in un click.
  5. LA SPADA NELLA ROCCIAla newsletter dedicata a tutto quello che succede in Europa, attraverso il racconto dei suoi leader e dei Paesi che la compongono. La firma la giornalista Luciana Grosso.
  6. LA MODA, IL SABATO MATTINA: costumi, tendenze, economia, libri da leggere,  account da seguire e posizioni di lavoro aperte nel mondo della moda. A cura della giornalista Federica Salto.
  7. SERIAL A COLAZIONE: appassionati di serie tv, film, libri sui media e altre cose pop.. In questa newsletter trovate news e consigli utili, ‘tutto mischiato nel latte’, come spiega Paolo Armelli, che la cura. 
  8. FRAB’S MAGAZINE AND MORE: prende il nome dall’omonimo portale specializzato nella vendita di riviste indipendenti e da collezione, solitamente difficili da trovare in Italia.
  9. COMMON SENSE BY BARI WEISS: uno spazio di idee, storie e dibattiti su costume, cultura e cronaca, americani ma non solo. La firma Bari Weiss, ex giornalista del New York Times dimessasi dal quotidiano in polemica con il giornalismo dei media tradizionali.
  10. RUMORS EXTRA by Repower:  bonus track ‘di parte’ è la newsletter che realizziamo per Repower, per rivivere temi e ospiti della II stagione del podcast ‘Rumors d’Ambiente’, con curiosità, storie e approfondimenti sul futuro della sostenibilità. Potete scoprirla e iscrivervi qui.
Read More

Comunicare l’impresa che si quota

Comunicare l’impresa che si quota

Tra i servizi che eos comunica ha recentemente implementato c’è anche quello di supportare la comunicazione delle aziende durante la delicata fase di IPO (Initial Public Offering), l’offerta pubblica dei titoli azionari che la società colloca, per la prima volta, sul mercato borsistico offrendoli al pubblico degli investitori.

Perché è importante comunicare bene durante questo processo di quotazione?

Attraverso le attività di comunicazione l’azienda trasmette il suo valore al mercato e agli investitori, che potranno decidere se comprare le azioni offerte in IPO concorrendo a definirne il prezzo sul mercato borsistico. C’è una forte correlazione tra la comunicazione e il prezzo che viene attribuito al titolo nella fase finale del processo: più efficacemente l’azienda riesce a trasmettere all’esterno tutte le informazioni utili per la corretta percezione dell’impresa e della sua capacità di creare valore nel tempo, e più alto sarà il range valutativo.

Oltre alle variabili economico-finanziarie che misurano la performance storica e prospettica d’impresa, ci sono variabili non finanziarie, le cosiddette “intangible asset”, che permettono di valorizzare fattori come il management, il brand, l’innovazione, la strategia e il posizionamento competitivo.

Infine, comunicare in modo corretto nel contesto di un mercato regolamentato – dove vigono norme stringenti anche per la comunicazione – mette l’azienda al riparo da rischi sanzionatori o di reputazione.

Le fasi che portano un’impresa in Borsa dipendono dal mercato sul quale decide di quotarsi.

I MERCATI DI BORSA ITALIANA

  • L’Euronext Milan

Il mercato principale di Borsa Italiana, Euronext Milan, si rivolge principalmente a imprese di media e grande capitalizzazione che intendono attrarre risorse per finanziarie un progetto di crescita. Si tratta di un mercato regolamentato, sottoposto a requisiti stringenti e allineati agli standard internazionali in grado di attrarre investitori istituzionali, professionali ed il risparmio pubblico.

  • Euronext Growth Milan

L’Euronext Growth Milan è invece il mercato dedicato alle Pmi dinamiche e competitive che offre un percorso più rapido e flessibile grazie ad un approccio regolamentare più snello. L’appropriatezza della società è demandata all’EGA (Euronext Growth Advisor), che può essere una banca d’affari, un intermediario o una società riconosciuta da Borsa Italiana, e che si fa garante nei confronti del mercato della sussistenza in capo all’emittente.

La principale differenza tra i due mercati è quindi l’istruttoria di Borsa Italiana e il nulla osta da parte di Consob, necessari solo per il mercato EuroNext e non per il Growth.

Per maggiori informazioni su tutte le fasi di una quotazione in Borsa vi rimandiamo al sito di

Borsa Italiana – Il processo di quotazione

Read More